fbpx Aller au contenu principal

Azioni pubbliche nel mese di gennaio

Il 9 febbraio si terrà una votazione sull’estensione della norma penale contro il razzismo in base all’orientamento sessuale. L’obiettivo è proteggere lesbiche, gay e bisessuali dall’odio, dalla persecuzione e dalla discriminazione.

Anti-LGBTI

6.12.19

Questo cioccolato non ci piace

A settembre l’azienda di cioccolato Läderach ha attirato l’attenzione della comunità LGBTI perché i proprietari si sono schierati attivamente contro i suoi interessi. È un motivo sufficiente per un appello al boicottaggio?

Gioco più facile per gli interessi della comunità

La Svizzera ha votato. Grazie al successo dei Verdi, il Consiglio nazionale potrebbe diventare molto più favorevole alle tematiche LGBTIQ. Hans-Peter Fricker della CoPo riassume qui i punti salienti.

Parità di diritti e doveri per tutti

A Ginevra Nicolas Walder del partito dei Verdi è stato eletto al Consiglio nazionale. In questa intervista il sindaco gay di Carouge parla dei suoi obiettivi e delle sue visioni per la Svizzera.

Una Svizzera piena di bandiere arcobaleno

Il tempo fino alle votazioni è breve: il 9 febbraio 2020 in Svizzera si vota sull’estensione della tutela dalla discriminazione. Jean-Michel With della CoPo rappresenta Network nel comitato per la tutela dalla discriminazione.

Lisa Leisi è da sola

Lisa Leisi (UDF) non ha avuto vita facile alla tavola rotonda a Wil (SG): gli argomenti dell’avversaria dichiarata dei diritti LGBTIQ non hanno avuto alcuna presa su questo pubblico. 

Alla fine niente presidente gay

Mounir Baatour, avvocato in ambito economico, lavora presso la Corte Suprema della Tunisia ed è il presidente dell’organizzazione LGBTIQ «Shams». Il suo annuncio di partecipare alla corsa per la presidenza ha suscitato clamore in tutto il mondo.

«I matrimoni tra persone dello stesso sesso non sono una novità in Svizzera»

Henry Hohmann, socio di Network di Berna, il 5 ottobre riceverà il Tolerantia Award come riconoscimento per il suo instancabile impegno a favore della comunità LGBTIQ. Henry è stato socio fondatore e per molti anni presidente di TGNS (Transgender Network Switzerland).

Una decisione non largamente condivisa che va contro la piena uguaglianza

Il 30 agosto la Commissione degli affari giuridici del Consiglio nazionale ha votato a larga maggioranza a favore del «matrimonio civile per tutti». Tuttavia, alle coppie omosessuali non sono stati concessi gli stessi diritti delle coppie eterosessuali.

Politica

9.9.19

«Il matrimonio per tutti arriverà prima del previsto»

Il socio di Network Claude Janiak, membro del PS, non si ricandida alle prossime elezioni per il seggio del Consiglio degli Stati del cantone di Basilea Campagna. Nell’intervista Claude ci parla della sua attività politica.

iscrizione alla newsletter